+39 392-318-3364 / info@womeninrun.it
'

WIRUNITALY 2018: a Verona in 600 con Najla per dire “NO alla violenza sulle donne”

WIRUNITALY 2018: a Verona in 600 con Najla per dire “NO alla violenza sulle donne”

Domenica 11 novembre Verona si è tinta di rosa e rosso, colori simbolo di quello che è una piaga mondiale da debellare: la Violenza sulle Donne.

In 600 hanno risposto al grido “NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

correndo fianco a fianco con l’obiettivo di sensibilizzare tutti su questo orribile fenomeno.

Tanta gente, di tutte le età, si è data appuntamento sul Ponte di Castelvecchio e alle 9.00, chi camminando o chi correndo, ha sparso per la città un’aurea di voglia di cambiare le cose, voglia di gridare NO!

Hanno partecipato rappresentanti di quasi tutte le Forze dell’Ordine che meglio di tutti noi conoscono bene il problema e che quotidianamente affrontano situazioni di violenza.

Tra i top runner, il triathleta Daniel Hofer dell’arma dei carabinieri, Alberto Casadei dell’arma della Polizia di Stato e Marco Corrà, triathleta della Nazionale. Era presente anche un’atleta della Nazionale di atletica Leggera Najla Aqdeir che più di tutti rappresenta la lotta contro la Violenza sulle Donne.

La sua storia è una storia di ignoranza e violenza, svoltasi in un ambiente che più di tutti dovrebbe proteggerci, la famiglia. Schiava e soggiogata a una cultura che non le apparteneva per nulla, Najla ha cercato di ribellarsi trovandosi a non farcela più, fino al gesto disperato che l’ha portata su un letto di ospedale, in coma. Ma ha avuto un’altra possibilità che ha colto, fra mille difficolta, nello sport… “cercando di scegliere ciò che ci rende felici affrontandone tutti gli ostacoli”.

Non tutte le donne hanno e hanno avuto la forza di Najla di farcela…

… ed è per questo che tutti noi abbiamo la responsabilità che tutto ciò non accada, mai.

Che ogni donna possa essere libera di vivere la propria vita in tranquillità e senza violenza, che ognuno di noi possa essere libero di vivere la propria vita in tranquillità e senza violenza.

Un grazie a tutti…

WIR Verona

Lascia un Commento