+39 392-318-3364 / info@womeninrun.it
'

RUNNER’S FACE: no grazie, noi “corriamo” subito ai ripari!

RUNNER’S FACE: no grazie, noi “corriamo” subito ai ripari!

Ci sono tanti buoni motivi per praticare la corsa, i benefici sono enormi. Oltre a quelli ben noti per il nostro organismo fisico (prevenzione di malattie cardiovascolari, perdita di peso, miglioramento delle difese immunitarie, tonicità muscolare, etc…) non bisogna dimenticare che correre, specialmente all’aria aperta, migliora l’umore, ci carica di energie positive, combatte lo stress e ci garantisce un sonno migliore.

Eppure, qualche controindicazione c’è, specie per le “ragazze di ogni età”. La minaccia che incombe su noi, spericolate WIR urbane, si chiama “faccia da runner”. Eh già, perché purtroppo bruciare grasso vuol anche dire svuotare il viso (che perde gradualmente tono) e anche aumentare la produzione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento. Non solo: ricordatevi che quando corriamo all’aperto, esponiamo il nostro corpo agli agenti atmosferici, allo smog, all’umidità o all’aria secca, al caldo o al freddo. E il viso è la parte di noi maggiormente esposta a tutti questi fattori, purtroppo determinanti per la salute e la bellezza del nostro aspetto.

I dati parlano chiaro: una ricerca effettuata dal Dipartimento di dermatologia dell’Università Charité di Berlino, sostiene che basta superare tre allenamenti di trenta minuti alla settimana per far aumentare la quantità di radicali liberi del tessuto epidermico del 20% e, allo stesso tempo, far diminuire nell’epidermide la presenza di betacarotene e licopene, preziosi alleati contro l’invecchiamento cutaneo. Insomma: una moderata attività fisica è decisamente salutare ma per chi, come molte di noi, corre tutti i giorni il rischio è quello di veder invecchiare la nostra pelle più in fretta e in maggior misura.

E quindi? Cosa si può fare per contrastare il problema senza rinunciare alla nostra corsetta quotidiana? La risposta è di nuovo CORRERE ma, questa volta, CORRERE AI RIPARI!

Sempre secondo lo studio tedesco, infatti, la pelle necessita di antiossidanti nei 100 minuti successivi alla fine dell’allenamento e a questo proposito arriva in nostro soccorso la dottoressa Elisabetta Canale, del team scientifico Glass Onion. La dottoressa suggerisce di applicare subito dopo la doccia un potente antiossidante come V2 siero anti Age in fiale di Glass Onion, un trattamento d’urto con la massima concentrazione di vitamina C pura (che, oltre ad essere un potente antiossidante, stimola anche la produzione di collagene e d elastina ) e vitamina E. Il siero inoltre contiene staminali vegetali che rigenerano il tessuto epidermico, esattamente ciò di cui il nostro viso ha bisogno dopo la corsa.


È sempre bene ricordare, poi, di utilizzare anche in inverno una protezione solare che sia anche anti-age prima di andare a correre, si può scegliere tra una protezione 30 per i mesi invernali e una 50 per i mesi estivi. Anche per questo problema Glass Onion propone una soluzione super-efficace, la crema solare 30 viso/corpo di Staminalis che, oltre all’elevata protezione UV, protegge la pelle dai danni solari grazie ad un complesso fitoceutico (estratti vegetali staminali, olio di germe di grano, vitamine C ed E) e con in più un potente enzima, il SOD (superossido Dismutasi), che cattura e contrasta i radicali liberi.

 

Infine, come sempre, dobbiamo aiutarci con la dieta. La pelle di pratica sport ha bisogno soprattutto di carotenoidi: li trovate in concentrazioni più alte in carote, spinaci e pomodori, ricchi anche di licopene, un potente antiossidante. Il consiglio è di non sbucciarli, dato che il licopene è contenuto soprattutto nella buccia.

Noi WIR siamo delle runner, e dei runner abbiamo abbracciato tutto: la filosofia, l’energia, la voglia di metterci costantemente in gioco, la fatica, il sudore, la soddisfazione, i muscoli doloranti e il nostro corpo che cambia ogni giorno in meglio. Ma la “faccia da runner” proprio no, non la vogliamo e Glass Onion unisce cosmesi e scienza per darci una mano ad avere un viso che invece di riflettere la nostra fatica e i nostri sforzi, restituisca di noi un’immagine sana, tonica e curata come tutto il resto del nostro corpo.

Federica

Lascia un Commento